Con il sudore del tuo volto mangerai la piadina

Cari amici uniti nella gioia e nel sudore, eccoci al riassunto settimanale delle precedenti puntate di “Agnese, un anno per capire un blog”.

Intanto voglio annunciare di aver ritrovato login e password di Aruba; ora mancano 50 euro e potrei ottenere un dominio tutto mio, che mi permetterebbe di urlare: “Il mio dominio per un gattino!”. Tante volte ve lo doveste chiedere, il mio compleanno è a dicembre, si accettano offerte votive.

Nel frattempo che racimolo questo gruzzolo, ho trovato il modo per: 1) stressarmi dietro un lavoro precario, 2) stressarmi dietro un amministratore il cui secondo nome è David Copperfield, 3) stressarmi per il caldo umido e schifoso. E nonostante ciò, sono riuscita a fare un weekend fuori con la scusa di un concerto a Ferrara.

Partenza il sabato mattina con comodo, giusto il tempo di rendermi conto di aver lasciato il portafoglio a casa, comunicarlo alla metà bestemmiante del cielo e tornare indietro per il recupero bottino. Primo stop, Cetona.

Cetona è un comune della provincia di Siena, dove anni fa i miei genitori comprarono una casa per trascorrere la pensione come vecchi lord inglesi. Raccontata così, la mia famiglia sembra parte della nobiltà romana, che ha fatto della Toscana il suo buen retiro. Invece i miei, che da sempre sognano il Devon e le figlie contesse di qualche “shire”, hanno trovato qui il giusto compromesso tra Casa Howard e una prole più vicina a Courtney Love che a Kate Middleton.

IMG_0847 IMG_0878

Lo sport ufficiale di Cetona è il dolce far nulla, sonnecchiare tirando le tende per far filtrare solo una lama di luce, mangiare come se non ci fosse un domani, oziare sotto l’ombrellone della piscina condominiale tra la lavanda e gli alberi da frutto. Uno sporco lavoro insomma.
La mia routine toscana, di solito, prevede: alzare al massimo un sopracciglio per dire “sì”, due per dire “ma de che stamo a parla’”. Evitare tutti i conoscenti dei miei da quando sono stati nominati baronetti della Val D’Orcia ad honorem, con la spiacevole conseguenza di dover salutare tutta la loro corte che arriva fino a Montepulciano. Sto scherzando, tranne quando dico che un tragitto di venti metri con loro diventa di due km dal momento che devono scambiare convenevoli con qualsiasi creautura vivente.
Infine, la mia giornata tipo si conclude al Caffè dello Sport, uno dei due bar che si affacciano sulla piazza di Cetona. Lì metto le gambe sotto il tavolo e non mi schiodo finché riesco a tenere gli occhi aperti, nutrendomi di tartine e calici di vino bianco ghiacciato. Se dopo settordici giri di Pinot le forze mi assistono, continuo in qualche ristorante oppure torno a casa a farmi ingozzare da mamma.
In assoluto, i miei posti preferiti dove mangiare sono quelli aperti da Nilo (Qui), un tizio strampalato che mi ricorda vagamente Charlie Chaplin e che in cucina ha le mani di fata.

Il giorno dopo partiamo alla volta di Ferrara per assistere al concerto dei Jesus and Mary Chain ( nel caso doveste esservi persi qualcosa degli ultimi trent’anni di musica, qui il mio live report del concerto).

Cercherò di riassumere la città emiliana nel periodo estivo con poche parole: è umida. Ma non umida della serie non è tanto il caldo quanto l’umidità. Ferrara è un bagno turco, è costruita sul vapore, le ragazze sono tutte ricce perchè non fanno in tempo a farsi la piastra ché il sudore increspa i loro capelli.
Ho scoperto, a tal proposito, due aspetti positivi. Intanto puoi ingurgitare tutta la birra che riesci e il giorno dopo hai il fisico di Belen, visto che è un continuo spurgare come le lumache. In più puoi sudare in santa pace, forte del fatto che è uno stato comune e nessuno ti giudicherà se hai pezzetti di carta appiccicati alla fronte o hai raccolto moscerini come glitter sugli occhi.

Quindi, donne, avvicinatevi con fiducia al comune di Ferrara.

Processed with VSCOcam with 6 preset

Processed with VSCOcam with 6 preset

Processed with VSCOcam with 6 preset

Processed with VSCOcam with 6 preset

E questo, miei gatti indemoniati, è il racconto di come, per due giorni fuori, sto brucando insalata da una settimana. Il morale della favola è che i liquidi in eccesso si chiamano tali perchè le tossine espulse, le cacci dalla porta, ma rientrano dalla finestra.

Ps. Nel caso voleste andare a sudare in quel di Ferrara, io ho alloggiato in un albergo abbastanza spartano, ma pulito, centrale e con personale alla mano (Link per informazioni) e mangiato una piada farcitissima di calorie qui. Per tutto il resto c’è Mastercard. La vostra.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...